Un’esperienza unica!

La Cantina unisce le risorse tipiche del territorio, naturali e umane, tradizionali della produzione millenaria con la moderna tecnologia di lavorazione, conservazione e imbottigliamento. Tonino è orgoglioso di tutto ciò ed è fiero che anche dal punto di vista ambientale Nuraghe Crabioni sia all’avanguardia e il fabbisogno energetico sia garantito da un impianto fotovoltaico di ultima generazione.

Quell’ambiente che Tonino ama tanto merita di essere tutelato e preservato. Ora e in futuro.

Può sembrare strano che una persona che lavora la terra ami con la stessa intensità e passione anche il mare. Per Tonino è naturale perché in questo posto mare e terra si toccano e si completano. Uno non può fare a meno dell’altro, come due innamorati che non possono vivere distanti.

E gli effetti di questo amore si vedono nella vigna di Maritza, là dove la salsedine si deposita sui grappoli d’uva di Cannonau e li avvolge in un abbraccio più unico che raro. Quando Tonino vede questo spettacolo delle uve scure ricoperte di patina bianca salata non può resistere dal cogliere qualche acino e metterlo in bocca per gustarne il sapore particolare.

Tonino pensa spesso che nelle bottiglie Nuraghe Crabioni non c’è semplicemente vino, ma c’è l’unione felice di terra e mare.

Camminare tra i filari è un’esperienza dell’anima. Tonino ama fare lunghe passeggiate immerso nel più totale silenzio della natura, camminando per i 35 ettari di estensione della Cantina. Lui dice che sente le piante respirare, la terra muoversi. Di settimana in settimana cambiano i colori ed i profumi del territorio e solo un animo insensibile potrebbe non apprezzare questa esperienza.

La cantina è il cuore pulsante di un’azienda vitivinicola, dove il lavoro di trasformazione delle uve in vino è un delicato equilibrio di tecnica e passione. Questo piccolo gioiello, inserita tra i vigneti Nuraghe Crabioni, è dotata delle più’ moderne tecnologie di vinificazione, attrezzature di prim’ordine consentono una capacità produttiva di 1300 ettolitri. L’impianto di refrigerazione di oltre 100.000 frigorie ora, è collegato ai serbatoi, tutti in acciaio, attraverso un computer che ne gestisce le temperature nelle diverse fasi di fermentazione dei mosti e di conservazione dei vini prima dell’imbottigliamento. L’esigenza di ridurre il più possibile i costi di produzione e l’impatto ambientale hanno indirizzato l’azienda a rivolgersi principalmente a fonti energetiche rinnovabili, un impianto fotovoltaico ne garantisce l’autosufficienza energetica. Un tetto ventilato naturalmente e le pareti della struttura coibentati, consentono la tenuta delle ideali temperature di cantina anche d’estate. Completano la struttura una sala stoccaggio dei vini imbottigliati, la sala imbottigliamento, e la sala degustazione che accoglie giornalmente turisti e “wine lovers” che amano degustare i vini Nuraghe Crabioni difronte all’incantevole golfo dell’asinara .

Il tutto sotto lo splendido cielo di Sardegna.

La Cantina è viva anche fuori stagione perché la natura fa sempre il suo corso, non solo quando c’è da vendemmiare o ci sono i visitatori per le degustazioni. E Tonino vive ogni istante che passa con il coinvolgimento di quando ha iniziato questo lavoro.

Tonino pensa spesso a chi poteva abitare queste terre, duemila e passa anni fa. Che ci fossero insediamenti abitati da queste parti, e più in generale in tutta la Sardegna, è testimoniato dalla presenza di nuraghe. Queste costruzioni preistoriche, realizzate con blocchi di pietra sovrapposti e tenuti insieme fra loro senza l’uso di malte, avevano principalmente funzioni militari e difensive.

Quando da piccolo giocava nei campi spesso Tonino viaggiava indietro nei secoli con la fantasia e si immedesimava nei guerrieri che scrutavano il mare all’orizzonte nel Golfo dell’Asinara per vedere se arrivava qualche nemico dal quale difendersi. E quando Augusto decise di chiamare la Cantina Nuraghe Crabioni, in onore del nuraghe presente nella tenuta, Tonino fu assolutamente d’accordo. E felice.

Nuraghe Crabioni produce e vende vini di grande qualità, tutti di denominazione garantita e controllata: il meglio delle terre sarde in tutta Italia ed il resto del mondo.

Bevendo gli uomini migliorano:

fanno buoni affari, vincono le cause, son felici e sostengono gli amici

Aristofane (450 a.c. – 388 a.c.)

Spedizione gratuita con una spesa minima di 170 Euro Rimuovi